Testatina

PERIODO CAROLINGIO - LE ARTI


Fra il Natale dell'anno 800 quando Carlo Magno (742~814) volle essere incoronato imperatore da papa Leone III. La sua ambizione era quella di riportare alla luce l'antico impero romano. 1 domini ereditati dal padre Pipino il Breve si estendevano dalla Marca Spagnola al Danubio e all'Elba, e dall'Italia alla Danimarca. Malgrado fosse un uomo pressochè privo d'istruzione, fu abbastanza illuminato da promuovere sia la rinascita delle arti e delle scienze che la fondazione di numerosi complessi religiosi, castelli e nuclei abitati. Centri come Aquisgrana oppure San Gallo (St.Gallen), oggi la più importante città della Svizzera orientale, divennero fra i maggiori focolari della cultura germanica ed europea del tempo.

Di questo periodo in Alto Adige è rimasto ben poco. Nell'ambito del monastero di Tubre/Taufers (ora in territorio svizzero) venne edificata una chiesa a sala, triabsidata, di ampie dimensioni. All'anno 820 risalgono invece gli affreschi della chiesa di S.Margherita a Lana, di fattura simile a quelli di Malles/Mals, anche se di qualità inferiore. Di alto interesse è la chiesa di S.Benedetto a Malles/Mals, in Val Venosta/Vinschgau, a quel tempo dipendente dall'abbazia svizzera di Münster. In questa chiesa di S.Benedetto, come vedremo, sono conservati interessanti affreschi dal vigoroso modellato. Altri edifici religiosi giunti fino a noi sono quelli di San Procolo a Naturno/Naturns e di San Giovanni in Villa a Bolzano.


Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Listino prezzi
Impressum
Privacy
Casanova