Testatina
Cuscino basso Naturwoll
€ 54,00

Spessore uniforme ca. 5 cm - Per un effetto benefico contro il mal di testa, di orecchie e di denti. La lana di pecora č...

La centrale delle fiabe elettriche - Dobbiaco

Siamo soliti credere che l’energia magica delle foreste dolomitiche, unica nel suo genere tra tutte le magie delle foreste del mondo, sia una cosa profondamente diversa dall’energia quella “vera”, quella industriale, quella che dalla fine del 19° secolo ha fecondato e fatto nascere la potenza dell’economia dell’occidente. È questa la verità?
Basta prendersi una giornata di riposo da questa potenza occidentale del lavoro, della frenesia e di una vita futurista lanciata in piena corsa verso il secolo già prossimo e venturo, per scoprire che questo baratro, che riteniamo incolmabile, tra scienza e spirituale superstizione, di fatto non esiste. Si dissolve nelle brume mattutine che non lasciano scorgere la forcella aerea alla quale puntiamo. Anche il più scettico dissacratore delle credenze popolari che in queste foreste giurano e spergiurano l’esistenza continua dei geni degli alberi, vedrà vacillare le sue dicotomiche convinzioni, quando uscendo dal fitto del bosco si troverà davanti proprio lei: la centrale idroelettrica! Che già la parola fa pensare a possenti turbine e alla severa architettura che dominava due eventi così carichi di presagi come le due grandi guerre. E invece, quasi fosse abitata da anziane donne di montagna che lavorano all’uncinetto in attesa che passi il temporale, eccola lì la famigerata produttrice di scintille e cavalli d’acciaio e improvvisamente, la magia si fonde alla scienza e le vecchiette, con un ghigno sarcastico ma bonario, inforcano le loro scope per andare a danzare sulle aspre cime di Vallandro.

Carta Kompass 57

Due proposte per scoprire l’energia sacra e quella profana

1) Itinerario facile
(variante rossa)
Partenza dal campeggio Lago di Dobbiaco (1250m) Sfruttando il percorso naturalistico del lago di Dobbiaco (sent. 1) si risale la Val di Ladro lungo il suo margine orografico sinistro (passando a ovest del lago). Il percorso didattico offre uno spunto ideale per camminare a metà strada tra la scienza e la magia della natura dolomitica. Dopo ca. 2km di comoda strada forestale si raggiunge il bivio con il sent. 14 e poco dopo una prima centrale elettrica (1265m). Proseguendo lungo il sent. 1 si raggiunge il cimitero di guerra (1^guerra mondiale) e 200 metri dopo la centrale idroelettrica delle fate, tuttora funzionante, denominata “Schmelze” situata in corrispondenza della confluenza del torrente Flodige con la Rienza. La centrale è visitabile previo contatto telefonico. A piacimento si potrà tornare lungo lo stesso percorso oppure farsi venire a prendere direttamente alla centrale. Dislivello: 100m (considerando piccoli saliscendi)
Lunghezza/tempo: andata 3,5 Km/1 ora

2) Itinerario impegnativo (variante blu)
Partenza dalla centrale elettrica 1 km a sud del lago di Dobbiaco (quota 1265m), facilmente localizzabile dal grande vallone dei Baranci sul versante opposto. Seguendo il segnavia 14 si sale inizialmente lungo strada forestale fino a malga Sarl (1720m) e poi, rimanendo sul sent. 14, fino alla fine della strada sterrata (ca. 1850m). Attraverso prati ora più ripidi si raggiunge l’incrocio con l’alta via delle Dolomiti no.3 (sent.33) e si segue quest’ultimo verso sud fino alla Forcella di Flodige. Il nuovo bivio posto proprio in corrispondenza della forcella viene imboccato a sinistra (sent. 33) per scendere nella bellissima valle del rio Flodige, proprio sotto il versante nord del Picco di Vallando. Lasciata la malga Flodige alta sui prati a sinistra (senza raggiungerla) si scende su terreno sempre più ripido fino a raggiungere il bacino di alimentazione sotterraneo (1703m) della centrale idroelettrica “Schmelze” (1308m). Occorre prestare attenzione al terreno ripido e poco frequentato che costeggiando le condotte della centrale scende fino al fondo della Val di Landro. La centrale è proprio ciò che non ci si aspetta di trovare: una casa in stile inizio secolo immersa nei boschi delle Dolomiti di Sesto. In 2 km di comodo sentiero parallelo alla S.S. delle Dolomiti 51 si ritorna al punto di partenza.
Dislivello: 900m (in parte ripidi e su terreno non sempre agevole) Lunghezza/tempo: 5-6 ore

Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Impressum
Privacy
Casanova

Balsamo piedi al pino mugo Unterweger 

€ 10,10

Cuscino Hefel Wellness Cirmolo Wash

€ 136,00
€ 115,50

Crema all'olio di marmotta Unterweger

€ 11,80