Testatina
Parka Wudele (uomo)
€ 669,00
€ 535,00

Splendido giaccone in Loden trapuntato. Cappuccio staccabile con cerniera. Cerniera di chiusura e cinque bottoni a press...

I costumi tradizionali della Val Gardena

Tra i più belli e ricchi costumi di tutta la regione, gli abiti tipici gardenesi hanno perso da molti decenni la loro originaria funzione di abito quotidiano e vengono indossati soltanto in grandi occasioni come processioni religiose, feste folcloristiche, cerimonie solenni, cortei, e sempre più di rado nelle feste nuziali di particolare rilievo.
Nei secoli scorsi, quando quasi tutti gli abitanti della valle erano contadini, il costume era molto semplice. Ma a differenza di altre valli sudtirolesi, in Val Gardena si manifestò tuttavia ben presto la tendenza a mutare spesso il modo di vestire. Grazie alla possibilità sempre crescente di viaggiare per il mondo e di vedere cose nuove i gardenesi acquistarono ornamenti pregiati e ricercati. Alla foggia originaria del costume franco-bajuvaro, diffuso anticamente in tutto il tirolo, si vennero così sovrapponendo elementi diversi. L'abitò si andò inoltre differenziando a seconda dell'età e dello stato civile di chi lo portava.

Nelle occasioni importanti e nei giorni di festa tutti portavano il cappello nero, “Cneidl”, con una nappa nera, un mantello nero, “Bagana”, la cintura con le posate e un manicotto di pelliccia. Quello che distingueva una donna sposata da una ragazza ancora nubile era la pettinatura. Mentre la prima portava i capelli raccolti in un ciuffo bloccato da un ago, un pettine e una larga benda di seta nera, le ragazze portavano i capelli intrecciati. Un’altra differenza era costituita dal foulard di pizzo giallo portato sul petto dalle donne sposate e dal foulard rosso per le ragazze.
Anche il “Perstuech”, ornamento triangolare ricamato era differente ma veniva comunque portato da entrambe sopra il bavaglio tra il gilet ed era fermato da un cordone dorato incrociato. Nei periodi di lutto le donne indossavano il grembiule e lo scialle nero con le frange, la fascia nera sul cappello, il triangolo viola e nessuna “filze”.

Per ogni capo d'abbigliamento esistevano precise regole che tutti dovevano rispettare. Quasi tutti i cappelli dei diversi costumi dell'arco alpino erano molto simili: verdi, gialli oppure neri con una grande tesa, un nastro abbastanza largo che pendeva all'indietro e sopratutto con molte piume. Molto usati erano anche i cilindri con la tesa piú piccola ed un cordone con pon-pon, dorati per i giorni di festa, neri o argentati per i giorni feriali. Le bretelle di stoffa verde venivano portate sopra il gilet, mentre al giorno d'oggi vengono portate sotto un gilet a fiori dagli uomini sposati e sopra un gilet rosso dagli uomini celibi. Giá nel 1700 la pelle della cintura veniva impreziosita con piccoli chiodini in piombo; piú tardi poi ricamata con piume di pavone come era uso sopratutto in Val Sarentino.

Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Impressum
Privacy
Casanova

Loden Wudele corto sfoderato (uomo)

€ 526,00
€ 447,00

Montgomery Wudele (uomo)

€ 526,00
€ 447,00

Mantella Wudele (donna)

€ 566,00
€ 481,00