Testatina

Hotel Zirm - Obereggen

Siete sicuri che l'ambiente montano sia lontano dalla magia delle feste briose e piccanti tipiche delle località balneari? Allora fate come fecero i nani della famosa leggenda, i quali si addentrarono nella foresta densa dei Monti Pallidi e, passando di albero in albero, si ritrovarono davanti ad un falò ed intorno ad esso videro le cose più incredibili del mondo.

L'Alto Adige, è inutile dirlo, è terra di scoperte. Di scoperte e di leggende. Di scoperte perché la sua stessa natura - un ventaglio montuoso di valli e picchi rocciosi ricoperto di foreste e vasti prati – invita all'esplorazione ed alla conquista. Terra di leggende perché é quassù che si narrano tra le storie più affascinanti e fantasiose d'Italia, dove ogni colore, ogni miraggio trova una spiegazione fantastica e inaspettata.

Se volete veramente regalarvi una parentesi magica, in due, ma anche da soli, per evadere dalla prevedibilità dei weekend domestici, dovete fare proprio come fecero i nani della leggenda dei Monti Pallidi. Imboccate il corridoio naturale dell'Adige e dell'Isarco, i due fiumi che dominano la regione e risalite le foreste lungo la strada tortuosa e mozzafiato della Val d'Ega. Essa vi condurrà sempre più in alto, fino a far scomparire le querce e i castagni, per dare spazio a fitte distese di abeti. Può darsi che lungo la strada abbiate già visto troppe cose per cui meriti fare una sosta e che quindi arriviate all'imbrunire. Meglio così. Chi vi accompagna sarà ancora più sorpreso della vostra genialità nell'evadere e nel creare magia e quando passerete l'ultima cortina della foresta, scorgerete subito la luce calda che vi attende. Altro che falò! La luce si trasformerà in una reggia adagiata su una generosa radura. Si apriranno le porte del castello, come per l'arrivo di ospiti da lungo tempo attesi e vi verrà offerto un cibo che di poco si discosta dal banchetto di un re. Uscirete forse a prendere una boccata d'aria, ma nulla potrà eguagliare la sorpresa del mattino successivo, quando vi affaccerete dalla vostra, camera per ricevere tra le lenzuola una cascata di luce. Sugli altipiani della Val d'Ega il sole rimbalza da una croda dolomitica ad un'altra e dalla terrazza dell'Hotel Zirm sembra che non vi possano essere luoghi più alti e più invasi di luce. In verità però, la luce altro non è che il sole di giorno e la simpatia di Anton di sera. Anton è il vero castellano di questa corte sui monti, ma se è di svago che andate alla ricerca, affidatevi a Bruno, la mascotte di peluche, che sa sempre dove si svolge la festa, dove trovare il sorriso più ammaliante, il massaggio più rilassante o il barman più sfizioso.

Ecco cos'è la mondanità: un'emozione sopra le nuvole, sopra le banalità e sopra le righe.

Da non perdere
la piscina coperta dell'area wellness è la più bella del circondario con una vasca a 28°C. e quella per bambini e per nostalgici dell'infanzia a 33°C. La vasca grande è dotata di idromassaggio a per cervicale.
La cucina inoltre è capace di soddisfare le esigenze più delicate, per qualsiasi caso di intolleranza alimentare o allergia, ma anche semplicemente per chi non si accontenta di mangiare „solo“ bene.

Info
Zirm good life hotel
Obereggen 27
I-39050 Nova Ponente
Tel. 0039 0471 615755 - Fax 0039 0471 615688
www.zirm.it - info@zirm.it


Foto: Archivio Hotel Zirm

Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Listino prezzi
Impressum
Privacy
Casanova