Testatina

Lago di Fié

Immerso in uno scenario tipicamente montano, il Lago di Fié, circondato da abeti di un verde intenso, propone ai suoi visitatori indimenticabili scorci del massiccio dello Sciliar e della punta Santer che si staglia sopra di esso. Alimentato da una sorgente chiamata un tempo "Sangue dello Sciliar", per la collocazione del suo bacino ai piedi di quella catena di cime frequentata dagli uomini preistorici per compiere riti propiziatori e sacrifici animali, il Laghetto di Fié è sito ad una altitudine di 1036 metri s.l.m. Proprio per la sua elevata altitudine questo lago assicura, a frequentatori locali e non, bagni rinfrescanti e tranquilli nei giorni estivi più caldi. Un tempo di dimensioni più ragguardevoli, il laghetto presenta oggi una superficie è di appena 1 ettaro, a causa della presenza di 1 canneto che funge da biotopo occupandone la metà. La profondità massima è di appena 3,5 metri.
E' possibile sostare per il pranzo in uno dei due hotel che sorgono a pochi metri dal lago. Sulle rive del lago sorge inoltre un lido dotato di bagni, docce e un punto di ristoro. I pontili in legno direttamente sull'acqua sembrano invitare i bagnanti a tuffarsi.
Compiendo una breve passeggiata di appena 10 minuti verso ovest si giunge infine ad un secondo laghetto di origine artificiale, creato appositamente per l'allevamento delle carpe e l'irrigazione dei campi sottostanti. La sua origine è da ascrivere a Leonardo I di Fié, castellano del Tirolo e capitano della regione atesina. In questo laghetto, è possibile ancora oggi praticare la pesca sportiva, acquistando la licenza giornaliera presso uno dei due hotel sottostanti.

Dove si trova: sito a 12 km da Bolzano, il Lago di Fié si raggiunge percorrendo la Valle Isarco in direzione Alpe di Siusi si giunge al paese di Fié di Sopra. Passato l'abitato, proseguire per circa 2 chilometri e svoltare a destra. Al termine della strada si troverà un ombroso parcheggio a pagamento. Dopo una passeggiata di appena 5 minuti si raggiungerà il laghetto.


Il sentiero per Siusi


Cartina Kompass 699

Ore di cammino: circa 2 ore; proseguendo verso i Bagni di Razzes un altra ora di cammino.
Difficoltà: Si tratta di una gita rilassante, ai piedi dello Sciliar, lungo il sentiero n. 2. Dopo aver attraversato il Rio Bianco, rimanendo sul sentiero n. 2, si arriva all'Hotel Salegg e, infine, al paese di Siusi. Da Salegg c'è poi la possibilità di continuare verso la Rocca di Castelvecchio e oltre fino ai Bagni di Razzes con il sentiero n.3.
Punti di sosta: lungo il sentiero n. 2 si possono trovare tavoli e panchine per brevi soste.
Periodo consigliato: dalla tarda primavera alla fine dell'autunno.


Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Listino prezzi
Impressum
Privacy
Casanova