Testatina
Saccoletto Valandré Grasshopper 400
€ 250,00
€ 212,00

Sacco a pelo estivo in piuma d’anatra dei Pirenei, ideale per il campeggio, consente di affrontare senza problemi le fre...

Dove dormire
Shopping
Appuntamenti
Gastronomia
Mostre fotografiche

Piz Sesvenna


Alpi Venoste di Ponente, un angolo di montagne racchiuse tra la Val Monastero a sud e la Val di Roia a nord, ai confini con la Svizzera ad ovest. Ai loro piedi scorre il corso superiore dell'Adige, mentre ad est si trova il lago ghiacciato di Resia con la torre del paese sommerso.
Il Piz Sesvenna con i suoi 3.204 metri ricoperti di neve e di ghiaccio è l'invito per la scoperta di questo lembo poco conosciuto del nostro celebre Alto Adige. Una meta primaverile d'alta montagna, un itinerario scialpinistico alla portata di tutti, facile dunque, ma non per questo sprovvisto di fascino ed intensa bellezza.
La scoperta della nascosta Valle di Slingia è la prima emozione che, in uno stato d'animo venato da un romantico isolamento, ci porterà, scivolando con gli sci, all'accogliente Rifugio Sesvenna a 2.256 metri, situato sul bordo superiore della testata della valle, sopra i boschi di larici. Il rifugio è l'irrinunciabile invito ad una notte nel silenzio immenso. Con i primi raggi del sole riprendiamo la nostra esplorazione, una nuova bianca emozione che, attraverso un docile, ma bellissimo ghiacciaio ed un furtivo sconfinamento in territorio svizzero, ci porta in vetta al nostro Piz Sesvenna per dominare dall'alto questo splendido angolo d'Alto Adige a noi ormai non più sconosciuto !

La salita:
1° giorno: dal paesino di Slingia si risale la valle omonima fino alla sua testata dove, tenendo la destra, si vince una breve, ma ripida fiancata (Croda Nera) per giungere quindi al Rifugio Sesvenna.
2° giorno: dal rifugio si sale in direzione sud-ovest fino a raggiungere la forcella Sesvenna a quota 2.824 m., dalla quale scendendo si entra in territorio elvetico per immettersi nella vedretta del Sesvenna. Salendo per dolci pendii, ci si dirige verso la ben visibile cresta est da dove, lasciati gli sci, si continua a piedi e, con un minimo d'attenzione, in pochi minuti si giunge in vetta al Piz Sesvenna.
DISCESA: per l'itinerario di salita.


Scheda Tecnica:

Accesso: da Merano si risale la Val Venosta fino a Malles, dove da Burgusio sale a sinistra la stradina per la Valle di Slingia
Partenza: 1° giorno da Slingia (1.738 m.) fino al Rifugio Sesvenna (2.256 m.) - 2° giorno dal rifugio al Piz Sesvenna (3.204 m.)
Dislivello: 1° giorno m. 518 - 2° giorno m. 950
Tempi di salita: 1° giorno 2 ore - 2° giorno 3 ore
Periodo consigliato: da marzo a maggio
Difficoltà: medi/buoni sciatori
Esposizione: varia - SO -NE -N
Attrezzatura: normale da scialpinismo
Cartografia: Kompass 52 Val Venosta 1:50.000
Rifugio Sesvenna: periodo d'apertura per lo scialpinismo: 1/2 febbraio a 1/2 maggio, tel. 0473/830234
CARATTERISTICHE GENERALI: gita lunga, ma non difficile. Nel periodo indicato la frequenza di passaggi rende il percorso pistato.
NOTA: da non intraprendere con tempo incerto e dopo abbondanti nevicate.


Testi: Franco Gionco
Alto Adige News Informavacanze

Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Impressum
Privacy
Casanova

Bastoncino Touring Komperdell Stiletto Tour

€ 149,95
€ 127,50

Giacca Valandré Bifrost

€ 470,00
€ 399,00

Slitta Torggler FM115D doppiaseduta 1 adulto + 1 bambino

€ 255,00