Testatina
Alto Adige Chardonney DOC 2016 Muri-Gries
€ 66,60
€ 55,50

Uve: Chardonnay Colore: giallo paglierino intenso con riflessi verdognoli Odor...

Dove dormire
Shopping
Appuntamenti
Gastronomia
Mostre fotografiche

La "Via dell'Ambra" o la "Via Imperiale"



Cartina Kompass 358

Ripercorrere una delle vie che hanno fatto la storia d'Europa può evocare ricordi scolastici, suscitare emozioni dimenticate o più semplicemente affascinare. Là dove una volta passavano imperatori, commercianti, guerrieri, uomini di cultura, crociati e poeti, oggi si viaggia velocemente e spesso in modo distratto.
Ma quell'ora di viaggio (in treno o in auto) che ai nostri giorni serve per risalire la valle dell'Isarco da Bolzano al valico del Brennero - separazione geografica nel cuore delle Alpi tra il nord e il sud - merita comunque una maggiore attenzione.
La Val dell'Isarco, da sempre, è corridoio che ha collegato il Baltico con l'Adriatico, la Mitteleuropa con la Padania e ripercorrerla oggi è un'affascinante viaggio nella storia.
Una delle prime testimonianze di quella che ai tempi preistorici era nota come la "Via dell'ambra", nel Medioevo conosciuta come la "Via Imperiale" prima e "Via Kuntner" poi (dal nome di un commerciante bolzanino che nel 1300 la rese carrozzabile) la si può incontrare a pochi chilometri dal capoluogo altoatesino.
A Campodazzo un'antica locanda dall'imponente facciata sulla quale campeggia l'immancabile e tipica insegna in ferro battuto (il Gasthof Post che vanta una storia quasi millenaria) testimonia proprio come la via fosse da sempre scandita, a intervalli regolari, dagli ostelli del cambio dei cavalli. Ponte Gardena è dominata dalla possente mole di Castel Forte - Trostburg - visitabile - dove visse il poeta e cavaliere errante Oswald von Wolkenstein.
Degna di nota la Sala dei Cavalieri. Chiusa, sovrastata dal convento fortificato di Sabiona, vista da sud (ovviamente tolti dal panorama attuale i tralicci, le costruzioni recenti e le strade asfaltate) è ancora uguale a quella splendida cittadella incisa da Matthaus Merian. Una visita merita il cosidetto tesoro di Loreto custodito nel Convento dei Capuccini in cui sono i pezzi donati dalla Regina Maria Anna di Spagna al suo confessore Padre Gabriel Pontifeser nativo di Chiusa.
Due brevi deviazioni meritano di esser compiute.
Una a Gudon dove c'è un piccolo e curato museo etnografico e l'altra a Velturno dove c'è il rinascimentale castello che fu residenza estiva dei Principi Vescovi di Bressanone. Bellissima la "Sala Principesca'' con straordinari intarsi lignei e una stupenda stufa in maiolica. E poi Bressanone. Da non perdere una passeggiata tra le viuzze ed i portici del centro storico, uno sguardo al Duomo, alla Parrocchiale ed al Chiostro interamente affrescato, una visita - sia pur rapida - al Museo Diocesano ospitato nel Palazzo Vescovile. Di particolare e singolare interesse è il Museo dei Presepi ospitato al pianoterra.
Da vedere nella non lontana Novacella oltre alla chiesa con i suoi luminosi affreschi barocchi, la splendida biblioteca.
Poco oltre Fortezza, la Sachsenklemme, la goladove nell'agosto del 1809 gli Schützen di Andreas Hofer, I'eroe tirolese, scrissero una delle pagine più importanti di quella che fu la guerra di liberazione contro le truppe franco-bavaresi, facendo rotolare a valle massi e tronchi d'albero. Una piccoia stele ricorda quella pagina di storia minore per l'equilibrio europeo ma importantissima per le vicende di queste vallate.
Prima di arrivare alla piana di Vipiteno sulla destra della valle svetta l'aguzzo campanile del Santuario di Maria Trens che dal1498 è ancor oggi uno dei più frequentati.
Vipiteno è preannunciata da due bei castelli che sorgono sui due opposti speroni rocciosi che dominano la piana: a destra Castel Pietra - Sprechenstein - a sinistra Castel Tasso - Burg Reifenstein - che merita una visita in quanto uno dei meglio conservati dell'Alto Adige.
D'obbligo a Vipiteno la visita al piccolo Museo Multscher dove sono conservate le pale d'altare opera di Hans Multscher maestro di Ulm.
Da vedere è anche il Museo delle Miniere ospitato nel palazzo Jöchelsthurn che testimonia come Vipiteno e l'Alta Val d'Isarco fossero, già nel XIV secolo, uno dei più importanti centri minerari d'Europa.
Per curiosità l'ultima miniera d'argento, quella di Monteneve nell'alta Val Ridanna a quota 2700 metri, è stata chiusa solo pochi anni fa. Quassù di grande interesse la visita alle gallerie dove sono presentati i sistemi estrattivi usati nei secoli.

Informazioni e indirizzi utili di Chiusa

Per un piacevole soggiorno
Alberghi: Hotel Taubers Unterwirt - Velturno - tel. +39 0472 855225 - e-mail: info@unterwirt.com


Testi: Piero Marangoni
Alto Adige News Informavacanze

Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Impressum
Privacy
Casanova

Ciabatte dell'Ospite (uomo/donna)

€ 22,95
€ 19,00

Poncho Wudele (donna)

€ 185,00
€ 157,00

Pane croccante - Schüttelbrot Näckler BIO

€ 3,95