Testatina
Coperta Naturwoll bianco naturale uni
€ 104,00

Le coperte in lana naturale sono follate. Le fibre di lana ricche di lanolina sono intessute in modo talmente fitto che ...

Dove dormire
Shopping
Appuntamenti
Gastronomia
Mostre fotografiche

ARCHITETTURA


All'inizio del secondo decennio giunge a Merano, proveniente da Innsbruck, l'architetto FRANCESCO LUCCHESE che introduce le prime forme tipiche del nuovo stile. Opere attribuite al Lucchese sono la facciata della Parrocchiale di Salorno/Salurn (1628), la chiesa e il campanile di Pietralba/Weißenstein. La parrocchiale di Salorno/Salurn, commissionata all'architetto Lucchese 0570/85? - 1629) è dedicata ai SS. Andrea e Nicolò. Presenta navata unica, breve transetto, volta a botte e linee decisamente rinascimentali, volute nella trasformazione del preesistente edificio che risaliva al XII sec., trasformato successivamente nel 1472. Alla morte del Lucchese, la costruzione fu portata a termine da un suo parente, DOMENICO LUCCHESE (1641). La facciata presenta alte lesene che rinserrano una finestra di tipo "serliano" e cinque nicchie con statue. Le prime due statue, scolpite in legno, raffigurano i SS.Pietro e Paolo (scultore GIOVANNI ZUGNA di Badia/Abtei, autore anche del grande altare maggiore); le altre sculture, poste più in alto, sono dei patroni S.Andrea e S.Nicolò e di Maria col Bambino (al centro del timpano), realizzate in lamierino di rame da MAXIIMILIAM RÖCK proveniente da Chiusa/Klausen (1645 circa).

Una segnalazione particolare meritano quei rappresentanti della famiglia DELAI di Scaria d'Intelvi che abbiamo già incontrato. Divenuti civici costruttori della municipalità bolzanina, saranno impegnati, fra il 1600 e il 1700, alla realizzazione di numerosi progetti. A GIACOMO DELAI si deve la costruzione della Cappella della Vergine a Termeno/Tramin (1638 ~ 47) e della chiesa di Sabiona che realizza nello stesso periodo insieme al fratello ANDREA; JACOPO costruisce invece la chiesa di Novale presso Vipiteno/Sterzing (1666 - 69) e quella di S.Antonio a Collalbo/Klobenstein (1672); FRANCESCO è l'architetto della chiesa di Rifiano/Riffian (1668 - 73); ANDREA della Residenza Reinsber ad Appiano/Eppan 1676); CARLO sarà il progettista di palazzo Mamming a Merano (1675 80); ANDREA e PETER della chiesa del Santo Sepolcro sul Monte Calvario, presso Bolzano. Si tratta di un edificio a pianta centrale realizzato nel 1684 e che rappresenta uno dei più significativi esempi di architettura sacra barocca; ancora PETER, della chiesa di S.Margherita a Vipiteno/Sterzing, della chiesa e del convento di Sabiona; G.BATTISTA della chiesa di Elvas (1696 - 98); lo stesso G.Battista con SIMONE, della cappella della Vergine a Novacella/Neustift.

Ricordiamo ancora qualche altro architetto fra quelli che si sono evidenziati in questo torno di tempo: MATTIA CARNERI, autore della "Cappella dei Mercanti" nella chiesa dei Domenicani, a pianta quadrata e cupola ottagonale, finanziata dal Magistrato Mercantile (1634 - 40); FRANCESCO CARLONI architetto della chiesa a pianta centrale di S.Giuseppe a Salorno/Salurn (1656 - 58); GREGORIO VALGOI cui si deve il convento delle Cappuccine a Bressanone; PIETRO PEDRINO originario di Bormio, che elabora la ricostruzione della parrocchiale di Tubre/Taufers (1660 - 63); PETER NIDERGATSCHER, costruttore civico di Brunico, sua città natale, autore della chiesa di S.Stefano in Cadore (1667) e della chiesa del S.Sepolcro a S.Candido/Innichen (1673) voluta dall'oste Georg Paprion su modello del santuario di Gerusalemme; GREGORIO SCHWENZENGAST, artefice della cappella della chiesa di Cengles/Tschengls.

Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Impressum
Privacy
Casanova

Coperta Cecchi e Cecchi Jacq

€ 112,70
€ 95,50

Mantella in piuma Blaser Bergen (donna)

€ 469,95
€ 376,00

Loden Wudele foderato (uomo)

€ 607,00
€ 516,00