Testatina
Succo di mela
€ 17,20

Erich Mur, produttore di succo di mela in Valle Isarco produce da sempre il suo succo utilizzando le mele del suo frutte...

Dove dormire
Shopping
Appuntamenti
Gastronomia
Mostre fotografiche

Senape sulla pelle...

Il würstel: un classico tirolese alla portata di tutti

Se qualcuno temeva che i würstel – i salsicciotti di manzo e vitello (o maiale) dell’Alto Adige - fossero in via di estinzione o cedessero il passo a pizze e kebab, può stare tranquillo.

I venditori di würstel sono i primi a non preoccuparsi: mica si può mangiare würstel tutti i giorni, ci dicono. Più che la concorrenza di pizzerie al taglio e kebab, i venditori bolzanini raccontano il cambiamento del mercato da circa dieci a questa parte: quando a Bolzano c’erano meno bar e ristoranti si consumavano più würstel e gli stand restavano aperti anche fino a mezzanotte.

Dove gustare un ottimo würstel
Impossibile non notarli all’angolo delle strade. Difficile resistere al profumo invitante... Sono almeno tre i Wurst’lstand – i banchetti storici di würstel in centro a Bolzano.

In attività da oltre 60 anni, da 30 il banchetto nella centralissima Obstplatz è gestito dalla famiglia Ebner - mamma, papà e figlia. Strategicamente appollaiata in centro a intercettare la golosità dei passanti, la famiglia Ebner sazia italiani e tedeschi, turisti e autoctoni. Gente del popolo e celebrità. Tutti, tutti – mangiano i würstel, ci assicura la signora con orgoglio: «anche quelli che conosco della TV, Tomba, lo sciatore, e tanti cantanti tedeschi. E poi tanti russi, polacchi, turchi…».
Il Meraner – würstel di manzo e maiale e spezie - è il würstel più richiesto a questo stand, ma vi si possono gustare anche il Käsewurst, cioè würstel di maiale manzo e formaggio; il Frankfurter, solo di vitello, e vari altri tipi.
I würstel sono sempre freschi e senza conservanti. Gli Ebner si riforniscono alla vicina macelleria Schrott 2 volte a settimana, o secondo necessità. 
Lo stand è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 19.30 (la domenica solo in inverno).

Scendendo in via Goethe troviamo un altro würstelstand storico. È quello della famiglia Egger. Gli attuali gestori vendono würstel da 10 anni, ma il banchetto è in attività dal 1921!
Anche qui ci confermano che a Bolzano il consumo di würstel è trasversale: abbatte barriere linguistiche e di genere. Italiani, tedeschi, donne, uomini, giovani, vecchi mangiano würstel a tutte le ore. La signora Egger conferma che non ci sono differenze di clientela e racconta che l’afflusso di turisti germanici fa impennare i consumi sotto pasqua, natale, e persino a ferragosto. Insomma, nemmeno il caldo torrido intimorisce un vero appassionato di würstel!
Lo stand è in via Goethe, aperto tutto l’anno, (tranne la domenica), dalle 9 alle 20.

Addentando un Weißwurst ci spingiamo verso il fiume Talvera, per una bella passeggiata ai bordi della città. E in via Museo ci imbattiamo nell’ultima, tradizionale tentazione. È lo stand Stampfl. I clienti cominciano ad affluire intorno alle 11 di mattina e non smettono fino a sera. Lo stand è aperto tutto l’anno, in estate fino alle 7 di sera. Molto amato anche dagli studenti, che sono grandi consumatori di hot dog e Frankfurter.

Dal produttore al consumatore:
Macelleria Schrott, Via Goethe 15, Bolzano

Rifornisce con prodotti artigianali due Würstelstand ed altre piccole macellerie e panetterie che vendono anche affettati e würstel, oltre a una consolidata clientela individuale.
Anche qui gli acquirenti sono in ugual numero sia italiani che tedeschi; la distinzione si attesta solo sul consumo di “luganeghe”, preferite dal palato tirolese, e cucinate con i crauti (Sauerkraut). Il Frankfurter e il Meraner, invece, sono divorati a 4 palmenti da tutte le etnie della regione.
Esistono tanti altri tipi di würstel da cucinare anche a casa, in padella, da abbinare con insalata mista o insalata di patate.
La rassegna della macelleria si chiude con i Kaminwurst, che, come dice la parola – camino - sono affumicati, per circa 3 settimane e poi stagionati; sono fatti con manzo e maiale e budello naturale.
La produzione della macelleria Schrott è vicino a Castel Roncolo, dove c’è anche una piccola cucina con gastronomia da asporto.

Meraner
Weißwurst
Frankfurter

Insomma, buono, facile e veloce da preparare. È grande e quindi sazia: il würstel ha mille virtù. È vantaggioso anche nel prezzo: un Frankfurter e un hot-dog mediamente si aggirano sui 3/3,50 euro. Si spende un po’ di più per le altre qualità. Ricordiamo che viene servito con una rosetta di pane e senape (in alternativa si possono avere ketchup, maionese o senape dolce).
Dunque rimane un classico.
E non solo non tramonta, ma si arricchisce di varietà e qualità. Fino a dieci anni fa, i banchetti ne offrivano solo tre tipi: würstel bianco, Meraner e Frankfurter. Oggi si può scegliere anche fra hot-dog, currywurst, paprikawurst, würstel col formaggio…e i clienti tornano sempre. Alcuni anche da 20 o 30 anni.
C’è chi lo mangia ogni giorno, chi 2/3 – perfino 4 volte a settimana. Per strada, a metà mattina, per un pranzo veloce, dopo la scuola o la sera a cena.

Infine, se qualcuno temeva che i Würstelstand scomparissero dalle strade o cedessero il passo a pizze e kebab, può stare tranquillo.
…mentre le tradizioni spariscono, i negozi tipici chiudono, il mondo cambia, addentare un würstel diventa consolatorio. Rassicurante.

Non ci resta che augurarvi Guten Appetit!


Testo: A. Dolzan
Foto: Archivio Casanova

Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Impressum
Privacy
Casanova

Riso bianco Carnaroli CÓ Vecchia

€ 4,50

Portapane ovale in ceramica e legno - Continenta

€ 84,50
€ 72,00

Ondonelle al Lagrein dell'Alto Adigeá- Eggerhof

€ 4,20