Testatina
Mantella Wudele (donna)
€ 595,00
€ 506,00

Elegante mantella donna con pratica cerniera di chiusura e cinque bottoni. Cappuccio non staccabile con o senza pelle. D...

Dove dormire
Shopping
Appuntamenti
Gastronomia
Mostre fotografiche

ETA' DEL BRONZO (1700 - 850 a.C.)


Molti studiosi sono dell'opinione che il rame sia stato il primo minerale lavorato dall'uomo che così dava il via all'industria metallurgica. Altri, invece, delegano il primato al piombo in quanto la sua bassa temperatura di fusione (327a. C) è molto al di sotto di quella del rame (1083 a.C). La cosa rimane controversa per via dei continui ritrovamenti di manufatti ora dell'uno che dell'altro metallo con datazioni sempre più lontane.

E' indubbio che l'età dei metalli rappresenta una delle maggiori rivoluzioni sociali ed etniche dell'antichità. Dai lidi dell'Anatolia, attraverso il Mediterraneo, la nuova ondata di civiltà, padrona delle nuove tecnologie, giunge nelle più lontane zone dell'Occidente. Nasceranno così nuove culture, ognuna con proprie caratteristiche, ma contemporaneamente imparentate fra loro per via dei tanti elementi che le accomunano.

La metallotecnica più tardi giunge anche in Alto Adige, certamente attraverso lunghe tappe intermedie, in un lento processo multisecolare di propagazione. Tracce di officine sono state trovate a S. Giorgio/St. Georgen e a S. Lorenzo/St. Lcrenzen, e altre certamente esistevano in varie zone elevate, cosa che permetteva una forte ventilazione delle fornaci.

Compaiono i primi oggetti di rame, ma perdura l'uso di manufatti in pietra. Interessante quella fonderia di rame rinvenuta nei pressi di Favogna /Fennberg, a circa 1100 m di altitudine. Nelle vicinanze però non esistono tracce di miniere e quindi è lecito pensare che il metallo doveva provenire da altre zone. A quest'epoca appartengono dei "menhirs" incisi con asce e pugnali, forse figure "aniconiche" riferite a misteriose divinità. Lo lascerebbe supporre la pietra squadrata di Termeno/Tramin, che presenta quasi un abbozzo di testa.

E' difficile dire quando il bronzo faccia la sua comparsa in Alto Adige. Il suo avvento è di notevole importanza perchè rivoluzionò tecnologie e tipologie di manufatti. Con questa lega rame-stagno si realizzarono elmi, spade, utensili. Oltre al rame si diede il via anche all'importazione dello stagno, che però era di non agevole reperimento.

Nella prima età del bronzo si cominciano a produrre numerosi nuovi oggetti. Spilloni in tale lega sono stati rinvenuti a S. Giorgio/St. Georgen di Brunico, a Collalbo/Klobenstein e a Malles/Mals. Un'ascia in bronzo, che sostituisce quelle più antiche e più fragili di selce, è stata trovata a Passo Pennes. Agli inizi di questa nuova fase appartengono frammenti di ceramica che provano la presenza di un insediamento a Castelvetere, sopra Ora / Auer , in una collina scelta probabilmente per le sue caratteristiche difensive.

Home
Italiano
Deutsch
Scrivici
Impressum
Privacy
Casanova

Crema all'olio di marmotta Unterweger

€ 11,00

Giacca Janker Liebling Verena (donna)

€ 314,90

Giacca Giesswein Jonas (uomo)

€ 159,00
€ 143,00